Acidità di stomaco

Chiunque abbia sofferto di bruciore di stomaco conosce perfettamente la tipica sensazione di bruciore che dallo stomaco, o dalla parte bassa del torace, sale verso il collo o la gola. La maggior parte delle persone non sa che il bruciore di stomaco può essere un sintomo di un disturbo chiamato reflusso gastroesofageo. Un altro sintomo frequente è il rigurgito acido, che lascia un sapore acido in gola o in bocca. Un altro in tanto, quasi tutti lamentano un bruciore di stomaco, per esempio dopo un pasto abbondante. Quando il disturbo è raro, è generalmente abbastanza semplice da gestire e per questo viene considerato da molti un problema banale. Ma quando il bruciore di stomaco influisce sul sonno, sulle attività quotidiane e sui livelli di stress, non è più un problema banale, soprattutto se compare di frequente (due o più volte alla settimana).  Se sei una delle persone in Italia che soffre di bruciore di stomaco due o più volte alla settimana, saprai perfettamente che questo disturbo può avere un impatto significativo sulla tua vita.

Nel linguaggio medico la cosiddetta acidità di stomaco viene definita pirosi, termina che deriva dal greco pyros che significa per l’appunto bruciore. Anche se il disturbo sembra localizzarsi all’altezza della bocca dello stomaco, è soprattutto l’esofago che gioca un ruolo essenziale in questa patologia che non va confusa con la gastrite che invece interessa precisamente lo stomaco. La pirosi provoca una sensazione di bruciore che parte effettivamente dallo stomaco per risalire però verso l’esofago e talvolta avanzare più in alto fino allo sterno e alla mandibola. L’acidità di stomaco occasionale non rappresenta un problema, ma se si presenta in maniera ricorrente può alla lunga trasformarsi in una malattia da reflusso gastroesofageo fastidiosa. La sensazione di acidità è provocata dal riflusso di acido gastrico accompagnato talvolta da ritorni in bocca di liquido gastrico misto a resti alimentari senza conati di vomito. Questi sintomi sono aggravati spesso da alcuni movimenti come la flessione verso il basso e dall’assunzione della posizione supina subito dopo un pasto abbondante. Durante la notte, per esempio, la risalita di acido può essere talmente fastidiosa da provocare il risveglio. Altri sintomi possono erroneamente fare pensare ad altre patologie: dolore al petto (che può far pensare ad un disturbo cardiaco) o difficoltà all’apparato respiratorio (respiro asmatico o raucedine).

Cause
Le cause della pirosi sono essenzialmente di due ordini: quelle legate all’anatomia e alla funzione dell’esofago e quelle di ordine dietetico e/o comportamentale. Nel primo caso la patologia è frequentemente legata ad un inappropriato funzionamento dell’esofago (contrazioni, rilasciamento) o più raramente ad un’eccessiva produzione di acido. Tra le cause generali possono essere citate l’obesità, una dieta troppo ricca in grassi, consumo di alcol (vino soprattutto), abuso di bevande gassose, di tè o caffè, fumo e gravidanza. Infine alcune malattie come il diabete mellito e l’ernia iatale predispongono all’apparizione del disturbo.

Rimedi
Per porvi rimedio, bisogna innanzitutto prestare una particolare attenzione alla dieta e al modo di alimentarsi. Per esempio, oltre naturalmente ad evitare alcol e cibi grassi, è consigliabile non riempire troppo lo stomaco con alimenti e bevande ed è bene cenare molto prima di coricarsi. In caso di frequenti risalite di acido gastrico è necessario consultare il medico per accertare la diagnosi attraverso delle analisi specifiche e per farsi prescrivere eventualmente un trattamento farmacologico.

Curare l’acidità:
Lo scopo principale è alzare il pH dello stomaco, che nella pirosi risulta essere troppo basso. L’automedicazione è molto praticata dalle persone che soffrono frequentemente di acidità allo stomaco, con l’uso di rimedi antiacido che si possono acquistare in farmacia senza ricetta. Oltre agli antiacidi, la terapia farmacologia indicata per questi casi si basa sull’utilizzo dei procinetici, molecole che promuovono lo svuotamento gastrico) e degli antisecretivi (per diminuire la secrezione dello stomaco). Se il bruciore di stomaco è più frequente e condiziona in modo significativo la tua vita, è importante trovare un rimedio rapido ed efficace. Rivolgiti con fiducia al tuo medico od al tuo farmacista, ti sapranno consigliare un medicinale adatto al caso tuo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *